Spiritualità

Chi è la persona spirituale?

 

Spesso sentiamo parlare di spiritualità ma non sappiamo bene cosa significhi.

 

Molti pensano che la spiritualità abbia a che fare con la religione ma questo non è vero: si può essere spirituali senza essere religiosi, così come il contrario.

 

Altri pensano di essere spirituali perchè frequentano corsi di meditazione e yoga, o perchè vanno alle conferenze di famosi scrittori che trattano argomenti di crescita personale, o perchè leggono libri esoterici, o perchè vanno in India.

 

Altri ancora credono di essere spirituali perchè hanno abilità psichiche, riescono a vedere l'aura o sono sensitivi: anche gli animali hanno queste capacità ma non sono esseri spirituali.

 

Spiritualità è connettersi al proprio Spirito, alla propria essenza, è aiutare consapevolmente la propria Anima a "crescere", attraverso il viaggio della vita.

 

Essere una persona spirituale significa accettarsi e amarsi per come si è al momento e, al tempo stesso, aver voglia di cambiare, di evolvere attraverso un cammino interiore che prevede, innanzi tutto, prendersi la responsabilità di tutto ciò che succede nella propria vita.

 

Sì proprio tutto.

La persona spirituale sa che tutto ciò che "accade" nella sua vita è lei stessa a farlo accadere, consciamente o inconsciamente (attraverso il lavoro della propria Anima) e sa anche che proprio i problemi della vita le porteranno le occasioni per maturare, per cui non li guarderà piu' come problemi ma come opportunità di crescita.

 

La spiritualità va di pari passo con la consapevolezza: la presenza mentale in ogni azione, pensiero, emozione e la conoscenza sono fondamentali per il nostro cammino interiore.

 

La persona spirituale studia le vie di saggezza che le servono per crescere e le applica nella propria vita. 

Medita sui propri problemi, si analizza, osserva le proprie azioni, emozioni, sentimenti, parole e pensieri.

Si chiede sempre: "perchè è successo questo? quali sono state le mie emozioni e le mie credenze sottostanti che hanno portato a ciò?"

 

E così, attraverso il Lavoro su di sè, comprende sè stessa e l'Universo.

 

Il vero percorso spirituale non è una via semplice fatta di rose e fiori (diffidate di chi vi dice questo!), è una via fatta di studio e di disciplina, di voglia di guardarsi dentro tutti i giorni e cambiare.

 

Non è per tutti, è solo per i piu' coraggiosi, perchè non è facile guardarsi dentro.

Tantissimi non lo fanno mai per tutta la vita, perchè hanno paura di vedere qualcosa che possa spaventarli.

Anche noi pensavamo di avere un "mostro" dentro ma, quando abbiamo avuto il coraggio di non scappare e di girarci per affrontarlo, abbiamo visto che non esisteva alcun mostro. Erano solo paure che si sono dissolte appena le abbiamo illuminate con la luce della nostra consapevolezza.

 

La via spirituale è una via di sincerità verso sè stessi, di umiltà e di amore.

E' una via faticosa, è vero, ma è assolutamente meravigliosa ed è il dono piu' bello della vita: cosa ci può essere, infatti, di meglio che conoscere sè stessi e offrire agli altri i nostri talenti?

 

E' questo che ci porta la felicità, non il mondo esterno. il gioco vale sicuramente la candela :)

 

Buon viaggio a tutti!